AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

"Etna Comics" sposa il cinema

di redazione web

Il "Gold Elephant World Festival" di Catania si svolge quest'anno dal 2 al 5 giugno alle Ciminiere in contemporanea con il festival internazionale del fumetto. In programma sia il concorso di lungometraggi indipendenti sia corti di animazione, fantasy, fantascienza, thriller e horror

Cosa succede se un festival del cinema europeo sposa il Festival internazionale del fumetto e della cultura pop? Succede che Catania, dal 2 al 5 giugno, avrà un sacco di cose da fare e da vedere!

In pratica il Gold Elephant World Festival diretto da Cateno Piazza si svolgerà alle Ciminiere di Catania, in contemporanea con la sesta edizione di Etna Comics curato da Antonio Mannino, una bella novità che vedrà affiancati il concorso europeo di lungometraggi indipendenti, il concorso europeo di cortometraggi e il concorso di cortometraggi d’animazione, fantasy, fantascienza, thriller, horror e cinema di genere. Ad essere premiati saranno il miglior film e cortometraggio europeo con i Gold Elephant World Awards, e il miglior cortometraggio tra i generi fantasy, d’animazione, fantascienza, thriller, horror e cinema di genere con l’Etna Comics Movie Award.

Oltre ai concorsi ufficiali, il Gold Elephant World Festival e l’Area Movie di Etna Comics offriranno anteprime e film italiani fuori concorso, proiezioni di booktrailer, incontri e dibattiti con registi, attori, produttori, docenti universitari e critici cinematografici, rendendo omaggio al cinema e ai suoi protagonisti. Tra i grandi ospiti di Etna Comics 2016 ci sarà anche l’attore comico, doppiatore Massimo Lopez (4 giugno).

Ma vediamo chi c'è in gara. Il concorso di lungometraggi indipendenti vedrà in competizione sei pellicole proiettate in lingua originale: “Amamadi Asier Altuna (Spagna), storia di una famiglia e di un conflitto; “Interruption” di Yorgos Zois (Grecia), film presentato a Venezia che mette a dura prova lo spettatore, esattamente come la tragedia in salsa postmoderna che si sta rappresentando nel teatro di Atene in cui irrompono i terroristi; “Lo scambio” di Salvo Cuccia (Italia), opera prima in concorso al Festival di Torino, è basato su fatti realmente accaduti a metà degli Anni 90 a Palermo (proiezione il 4 giugno e assegnazione di un premio speciale agli attori protagonisti Barbara Tabita e Paolo Briguglia), alla sceneggiatura ha partecipato il magistrato Alfonso Sabella; “Oggi insieme domani anche”, film partecipato, ideato e curato da Antonietta De Lillo (Italia), è un mosaico di sguardi, volti e storie raccolte da diversi autori in giro per l’Italia. Attraverso frammenti di materiali diversi, compone un ritratto dell’amore ai nostri tempi; Tempête di Samuel Collardey (Francia), vincitore alla sezione “Venezia Orizzonti” 2015, dà lo spunto per riflettere sui ritmi perduti della vita con la vittoria del capitalismo frenetico, competitivo e stressante. “The confessions of Thomas Quick” del pluripremiato regista Brian Hill (Gran Bretagna) ricostruisce, con incredibile talento creativo, la storia di un noto serial killer rivelatosi poi sorprendentemente innocente.

Il concorso europeo di cortometraggi vedrà in competizione quattro pellicole - “Anomalo” di Aitor Gutierrez (Spagna); “Diva” di Giuseppe Imparato (Italia); “E.T.E.R.N.I.T” di Giovanni Aloi (Francia); “Helena” di Nicola Sorcinelli (Italia) - mentre il concorso di cortometraggi “ECMovie” vedrà in competizione nove pellicole: “Il lato oscuro” di Vincenzo Alfieri; “La terra degli sconfitti” di Maurizio Ravallese; “Boogey-Woogie” di Enrico Conte; “Blocco E, IV piano” di Sergio Bertani; “Il Principe” di Davide Salucci e Elisa Gandolfo; “La stanza” di Stefano Etter e Silvia Cremaschi; “XII 8 44” di Diego Bonuccelli; “Bagni” di Laura Luchetti; “El mostro, la coraggiosa storia di Gabriele Bortolozzo” di Lucio Schiavon e Salvatore Restivo.