AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Uzeda, pilastri del noise

di Silvia Arecco, Lorenzo Di Silvestro, Mauro Sodano e Agata Ventura

La storica band catanese si racconta davanti alle telecamere di Zammù TV: «Se siamo ancora qui dopo tutti questi anni è perché abbiamo un obiettivo comune e perché viviamo le diversità come una ricchezza»




La storica noise band catanese, nata nel 1987, racconta le proprie origini e la filosofia che sta dietro la loro musica. Si tratta della prima band italiana ad aver registrato ben due Peel Session negli studi di Londra della BBC.

I brani degli Uzeda - Giovanna Cacciola (voce), Agostino Tilotta (chitarra), Raffaele Gulisano (basso) e Davide Oliveri (batteria) - seguono percorsi non convenzionali che portano inaspettatamente ad una risposta sonora perfetta. Un'attenzione estrema al sound, le acrobazie dissonanti e il non dover mai scendere a compromessi sono le caratteristiche che hanno fatto apprezzare gli Uzeda al pubblico di tutto il mondo.

Zammù TV li ha incontrati in occasione del concerto del 3 luglio 2014, che li ha visti sul palco di Belpasso (Catania). «Andavamo in giro per l'Europa col nostro mezzo - ricorda il batterista Davide Oliveri - portandoci tutto da casa». «I nostri strumenti sono componenti del nostro gruppo», gli fa eco il bassista Raffaele Gulisano, che aggiunge: «Se siamo ancora qui dopo tutti questi anni è perché abbiamo un obiettivo comune e perché viviamo le diversità come una ricchezza».