AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Nuova luce per le Terme Achilliane

di Zammù TV (video)

Inaugurato il nuovo sistema di illuminazione a basso impatto ambientale sviluppato con tecnologie led di ultima generazione. Presentata anche l’applicazione realizzata dall’Istituto per i Beni archeologici e monumentali del Cnr




Annoverate tra i principali impianti termali pubblici di età romana conservati nella città di Catania e poste al di sotto dell’area archeologica della moderna piazza Duomo, le Terme Achilliane sono state dotate di un nuovo sistema di illuminazione a basso impatto ambientale. 

La "cerimonia" di inaugurazione si è svolta nel corso dell’evento "Smart Ligthing for Catania". Nel corso della giornata è stata presentata inoltre l’applicazione “Terme Achilliane”, uno dei primi prodotti della collana multimediale promossa dall’Istituto per i Beni archeologici e monumentali del Cnr di Catania diretto da Daniele Malfitana. La collana multimediale è frutto del lavoro di un team multidisciplinare di archeologi, informatici e fotografi specializzati del Laboratorio di archeologia immersiva e multimedia dell’Ibam di Catania.

Le strutture dell'impianto termale, costruito nel II secolo d.C. e ancora oggi ben conservate, sono state scoperte nel XVI secolo e messe in luce nel 1767 da Ignazio Paternò Castello Principe di Biscari. La nuova illuminazione, curata e diretta da Marzia Paladino con la collaborazione del team di ricercatori e tecnici dell’Ibam, è stata inserita fra gli eventi dell’International Year of Light and Light-based Technologies 2015, un’iniziativa sostenuta dall’Unesco finalizzata all’innovazione tecnologica mediante l’uso sapiente delle luci.

Attraverso lo studio degli angoli di emissione della luce, della distanza, dei flussi e dell’intensità luminosa, è stato possibile ottenere una corretta percezione dei colori e dei contrasti cromatici, tenendo conto delle esigenze specifiche delle diverse aree e adeguare così l’impianto di illuminazione alle più moderne esigenze e normative in campo di risparmio energetico e basso impatto ambientale. La precisione dei led utilizzati permette ora di distinguere in modo più chiaro anche le diverse stratificazioni nella costruzione dell’edificio. Inoltre, permette di creare, tra giochi e alternanze di ombre, ambienti dal diverso impatto emotivo.


Vedi anche