AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

La macchina volante di Leonardo da Vinci

In un video realizzato dagli studenti del corso di laurea magistrale in Automation Engineering and Control of Complex Systems l'esperimento immaginato oltre 500 anni fa dal Genio rinascimentale (montaggio di Giorgio Raito)




Ecco la macchina volante progettata da Leonardo da Vinci più di 500 anni fa, ricostruita dagli studenti del corso di laurea magistrale in Automation Engineering and Control of Complex Systems dell’Università di Catania.

Grazie a un video realizzato dagli stessi studenti, integrato con le immagini riprese da una telecamera miniaturizzata montata sulla stessa macchina, siamo in grado di vedere l’esperimento del volo del modello disegnato dal Genio rinascimentale su una spiaggia della Playa di Catania, trasportato da un aquilone a celle fino a oltre 200 metri di altezza e protetto da un film plastico termoretraibile.

“Leonardo da Vinci continua ancora ad appassionare e a suscitare interessi e idee scientifiche innovative”, affermano il prof. Luigi Fortuna, la presidente del corso di laurea Maide Bucolo, il prof. Arturo Buscarino, l'ing. Carlo Famoso e tutti gli studenti che partecipano all'evoluzione del progetto.

Da questo esperimento sono infatti scaturite ulteriori inattese idee: tra queste, l’invio fino alla stratosfera del modello leonardesco con un pallone sonda in cui verranno allocati micro-esperimenti tra i quali una micro-turbina a correnti ascensionali, un circuito microfluidico e varie sonde per la misurazione di campo magnetico terrestre, campi gravitazionali e le varie grandezze fisiche che caratterizzano principalmente lo strato superiore dell'atmosfera. Tale idea già sta coinvolgendo oltre a docenti e studenti, tanti appassionati del volo, funzionari di enti istituzionali ed esperti di varia competenza.