AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Ornitologia, al via il monitoraggio dell'avifauna nella riserva di Agira

La campagna di inanellamento avviata dal Cutgana con Legambiente riguarda 16 uccelli. L'ornitologo Renzo Ientile: «Questa attività di ricerca permetterà di raccogliere informazioni utili sulla loro biologia, sui loro spostamenti e anche sulla loro longevità»

E dopo il gabbiano dell'Isola Lachea, è partita anche la campagna di inanellamento dell’avifauna della riserva "Vallone di Piano della Corte” di Agira (Enna), anche questa gestita dal Cutgana dell’Università di Catania. Gli esemplari che sono stati inanellati dal personale del Centro di ricerca, con il contributo dei volontari del circolo di Agira di Legambiente, sono stati 16: cinque capinere, tre cinciallegre, tre rampichini, uno scricciolo, una cannaiola, un usignolo, una cinciarella e una ghiandaia.

«Il monitoraggio delle comunità di uccelli delle aree protette – spiega il direttore della riserva, l'ornitologo Renzo Ientile - fa parte di un piano di ricerca avviato dal Cutgana che permetterà di raccogliere informazioni utili sulla biologia di questi uccelli, sui loro spostamenti e anche sulla loro longevità. Tra le numerose specie di uccelli presenti sulla sponda sinistra della contrada Piano della Corte, in un’area coltivata a frutteto misto a uliveto, ne abbiamo individuate alcune migratorie e altre stanziali».