AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Catania in Gigapixel, un dipinto dal Duomo al mondo con il digitale

Tutti i dettagli, persino i più microscopici, del dipinto conservato nella sacrestia del Duomo etneo che raffigura l’eruzione del 1669 a Catania sono adesso visibili online. Con non poche sorprese. Una possibilità per appassionati e curiosi nata dal progetto dell'associazione di valorizzazione Officine Culturali insieme all’ente Chiesa Cattedrale e al fotografo Antonino Del Popolo




Centinaia di cittadini e turisti hanno ammirato dal vivo la raffigurazione attribuita a Giacinto Platania dell’eruzione del 1669 su Catania. Ma nessuno aveva ancora potuto notarne i più piccoli dettagli. Almeno fino all'inizio di febbraio, quando è stato presentato il progetto Catania in gigapixel, ideato e portato avanti dall’associazione Officine Culturali, l'ente Chiesa Cattedrale e il fotografo catanese emigrato al Nord Antonino Del Popolo.

Dopo l'esperienza dalla digitalizzazione della Sacra sindone, si è deciso di ripetere l'esperimento anche a Catania. Uno strumento offerto dalla tecnologia per monitorare lo stato di salute di un'opera d'arte e renderla fruibile in tutto il mondo, attraverso la Rete. Ma anche un valido aiuto alla ricerca nel settore umanistico, come spiega Davide Bennato, docente di Sociologia dei media digitali dellUniversità di Catania.

E non solo. La possibilità di ricorrere ai gigapixel arricchisce anche gli studi di storia urbana, secondo Enrico Iachello, docente di Storia moderna di Unict che ci racconta in sintesi com'era la Catania del XVII secolo.

La digitalizzazione delle opere d'arte è un'occasione imperdibile anche secondo Barbara Mancuso, docente di Storia dell'arte moderna dell'ateneo catanese che in questo video anticipa qualcuno dei dettagli dell'affresco invisibili a occhio nudo.

E per chi vedrà l'affresco solo online, senza il contesto del Duomo etneo, ci pensa Gaetano Zito, vicario episcopale per la Cultura della Cattedrale di Catania, a raccontare il rapporto tra le colate laviche dell'Etna - tra cui quella mostrata nel dipinto - e Sant'Agata, la patrona della città.