AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

[6] L'esposizione e la qualità della luce

di Dario Grasso (video), Giorgio Raito (video), Salvo Noto (video) e Marco Di Mauro (video)

La fotografia cinematografica e televisiva si basa anche sulla quantità e qualità della luce




Sesta clip del corso "Tecnica della rappresentazione audiovisiva", a cura del prof. Alessandro De Filippo, docente di Storia e Critica del Cinema al dipartimento di Scienze umanistiche dell'Università di Catania.

La fotografia cinematografica e televisiva si basa anche sulla quantità e qualità della luce. 

La posizione delle lampade, la loro intensità, l'apertura del diaframma, i filtri sui corpi illuminanti, l'angolo di riflessione del raggio luminoso, ognuno di questi elementi contribuisce a suscitare specifiche sensazioni nello spettatore.

La scrittura della luce è uno dei momenti essenziali dell'atto del vedere.


Vedi anche