AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

[1] I limiti di campo dell'inquadratura

di Dario Grasso (video), Giorgio Raito (video), Salvo Noto (video) e Marco Di Mauro (video)

In questa clip si definisce l'inquadratura come il risultato di una selezione di spazio e di tempo




Prima clip del corso "Tecnica della rappresentazione audiovisiva", a cura del prof. Alessandro De Filippo, docente di Storia e Critica del Cinema al dipartimento di Scienze umanistiche dell'Università di Catania.

Che cos'è una inquadratura audiovisiva?

In questa clip si definisce l'inquadratura come il risultato di una selezione di spazio e di tempo. L'operatore di ripresa registra una porzione dello spazio reale, per un periodo di tempo limitato. Tutto ciò che resta escluso dall'inquadratura, nella rappresentazione audiovisiva semplicemente non esiste.


Vedi anche